COMUNICAZIONE IMPORTANTE: FONTE W e U DELLA CITES In evidenza

In base al D.Lgs. 5 agosto 2022, n. 135 entrato in vigore il 27 Settembre 2022, tutti gli animali in CITES di  fonte W (wild/natura) o U (fonte sconosciuta) NON potranno più essere riprodotti e ceduti.

La questione è chiara e notoria, ma vi si ritorna per fugare recenti infondate voci, che potrebbero esporre i detentori a gravosissime sanzioni penali.

Vengono vietate, infatti, le riproduzioni a partire dal 27 Settembre 2022. È quindi errato e fuorviante affermare che gli animali acquistati ante 27 Settembre possano riprodursi.

L'invocazione del principio di irretroattività della legge penale è completamente errata. La riproduzione -condotta vietata- infatti ha luogo dopo il 27 settembre 2022 ed è questa condotta ad essere penalmente sanzionata. Nulla conta la data di acquisto dell'animale: ad essere vietata, dal 27 Settembre è la riproduzione sic et simpliciter.

La questione viene chiarita, senza margine di dubbio, dall'art. 6, comma primo, del D. Lgs. 135/2022: “I detentori di animali, compresi gli ibridi, di specie selvatiche esotiche di cui all'articolo 3, comma 1, non incluse nel decreto di cui all'articolo 5, acquisiti a qualsiasi titolo in conformità alla normativa vigente entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto [il riferimento ai dodici mesi è relativo alla possibilità, per i detentori di scorte commerciali, di poterle cedere per dodici mesi dall’entrata in vigore del decreto, v. art. 7. Tale deroga relativa alla detenzione e commercializzazione -dunque non alla riproduzione ed importazione- si applica ai soli detentori di scorte commerciali, non all'allevatore amatoriale] sono autorizzati a detenerli fino al termine della vita naturale degli esemplari purché il detentore adotti misure idonee a garantire l’impossibilità di riproduzione e di fuga degli esemplari e gli stessi siano mantenuti in condizioni tali da garantirne il benessere”.

Si ribadisce, in termini chiari e perentori: anche se acquistati prima del 27 Settembre 2022, gli animali prelevati dal loro ambiente naturale non possono essere riprodotti o ceduti (anzi, più precisamente: non possono essere importati, commerciati -salvo la deroga per le scorte commerciali negli stretti limiti di cui all'art. 7 del D.Lgs 135/2022- e riprodotti).

Il medesimo principio è valido per tutti gli animali prelevati dall'ambiente naturale, quale che sia la data di acquisto.

Siamo al lavoro per risolvere questa assurdità nel minor tempo possibile, ma attualmente questa è la situazione.

Vi invitiamo a diffidare da voci incontrollate, che basate su presupposti giuridicamente inesistenti vi possono esporre a procedimenti e condanne di particolare gravità. La denuncia obbligatoria di nascita di animali CITES con genitori in fonte W o U, peraltro, equivale ad un'autodenuncia. Quindi prestate attenzione ed estote prudentes sicut serpentes (siate prudenti come serpenti) non fate riprodurre gli animali di fonte W e U o uno di questi con esemplari in altre fonti normalmente riporducibili.

In ogni caso informatevi anche presso i vostri nuclei CITES ed attenetevi alla condotta rigorosa sopra indicata.


PDF della circolare ministeriale:

cites ANIMALI ESOTICI fonte W fonte U rettili anfibi Erpetofauna 2023


Letto 2344 volte Ultima modifica il Venerdì, 17 Febbraio 2023 15:48