Cosa fare quando si trova un geco in inverno In evidenza

In Italia sono presenti quattro specie di gechi: Tarentola mauritanica, Hemidactylus turcicus, Euleptes europaea e Mediodactylus kotschyi. Le prime due molto comuni sia in ambienti naturali che antropici. La rapida espansione d'areale, ha reso i gechi animali insoliti per tutte quelle persone che non li conoscevano ma che improvvisamente li hanno trovati nei pressi o all'interno delle proprie abitazioni.

La movimentazione di merci da parte dell'uomo, è uno dei principali mezzi d'espansione dei rettili che popolano la penisola. Infatti, negli ultimi anni, soprattutto T. mauritanica ha avuto una rapida e vasta espansione di areale, un tempo era tipica delle zone costiere, soprattutto del centro-sud, ad oggi conta numerose popolazioni nell'entroterra anche in luoghi particolarmente freddi nel periodo invernale.

Tarentola mauritanica, adulto Tarentola mauritanica, cucciolo
In foto: Adulto e cucciolo di Tarentola mauritanica

I gechi sono animali abbastanza conosciuti, ma pochi sanno che le specie italiane in inverno affrontano una sorta di letargo. Durante questo periodo può però capitare che giornate di sole particolarmente miti, o fonti di calore artificiali, riattivino il metabolismo del geco, che a differenza di un mammifero riesce a risvegliarsi anche con pochi gradi sopra allo zero.
Basta però un repentino calo delle temperature, o l'arrivo della notte, perché il geco torni ad uno stato letargico. Capita quindi di rinvenire esemplari poco attivi nei posti più disparati, dal pavimento di casa o sul davanzale della finestra.
Di fronte a queste situazioni, le persone meno preparate tendono a farsi prendere dal panico, pensando che l'animale sia sul punto di morte o che comunque non possa sopravvivere a quella condizione.
In realtà, un geco abituato a vivere ai nostri climi è a rischio di vita a partire dai -5°C, sopra questo gradiente termico è semplicemente inerme perché in letargo.

Quindi in caso di un ritrovamento di un geco in stato letargico, non ci si deve preoccupare, gli si deve solo offrire un posto in cui ripararsi: muretti a secco con vari anfratti, cavità di grossi alberi, legnaie, ma anche uno scantinato o una soffitta che possa poi favorirne l'uscita autonoma al ritorno della primavera. 

Come maneggiare un geco?
Nessuna paura, i gechi non sono velenosi, non portano malattie e in stato letargico nemmeno i più intraprendenti proveranno a mordere.
Ma se non si ha confidenza con i rettili e non ci si sente tranquilli nel maneggiarli a mani nude, si può utilizzare una scatola di plastica o vetro con coperchio, un panno in cui avvolgerlo, facendo sempre attenzione a non stringere la coda (che si potrebbe distaccare come nelle lucertole (autotomia)) e a non fare movimenti bruschi. 
In caso di animali palesemente feriti è necessario contattare enti preposti al recupero e alla tutela della fauna selvatica.

Hemidactylus turcicus, adulto Hemidactylus turcicus, cucciolo
In foto: Adulto e giovane di Hemidactylus turcicus

Attenzione a non cedere alla tentazione di provare a salvare i gechi creandogli un alloggio, primo è vietato dalla legge, inoltre, non avendo nozioni di mantenimento in cattività si rischierebbe di creare più danno che beneficio.
Infatti, anche ignorando la legislazione che ne vieta la cattura e detenzione, bisogna tenere in considerazione il benessere del geco. Quando un rettile entra in letargo rallenta tutte le sue funzioni metaboliche, anche quelle che riescono ad equilibrare eventuali cariche parassitiche o batteriche. Ciò significa che portare un animale dal freddo al caldo di colpo, oltre a generare uno pericoloso shock termico, stressa il soggetto e questo potrebbe mettere in seria difficoltà il sistema immunitario che con il riattivarsi dei parassiti potrebbe condannarlo a morte. Ovviamente gli esemplari più giovani sono anche quelli più a rischio.

Quindi abbiate fiducia nella natura, se trovate un geco infreddolito mettetelo in un posto riparato e lasciatelo stare, in primavera potrà proseguire la sua vita in pace.


 

gechi inverno trovare un geco geco in casa Tarentola mauritanica freddo


Letto 22334 volte Ultima modifica il Venerdì, 29 Gennaio 2021 15:42