Vittoria per gli animali esotici, ma continuiamo a vigilare!

No a liste diverse da quelle europee e senza fondamenti scientifici

Approvato nelle commissioni Ambiente e Sanità del Senato il parere sullo schema di decreto legislativo relativo agli animali esotici e selvatici. Una vittoria per Italian Gekko Associazion e le associazioni coinvolte e riunite in “Esotici ma familiari”. Proprio grazie all’impegno di EmaF “abbiamo scongiurato che fossero accolte le proposte di introduzione di ulteriori divieti ideologici, privi di qualsiasi validità scientifica, che erano state avanzate da alcuni partiti ed associazioni”.

“Abbiamo anche ottenuto fondamentali miglioramenti al testo presentato dal Governo come l’eliminazione del riferimento a criteri “sociali” nella definizione di eventuali liste previste dall’articolo 5, un riferimento che, come sottolineato nel corso delle audizioni anche dai componenti del nostro Comitato Tecnico, Dott. Lorenzo Crosta e Dott. Stefano Cusaro, non hanno alcuna base scientifica e avrebbero comportato un rischio assoluto di soggettività ed arbitrarietà nelle scelte” continua EmaF, di cui anche IGA (Italian Gekko Association) fa parte. Proprio come IGA continuiamo infatti a sottolineare come l’adozione di misure puramente ideologiche (e senza solide basi scientifiche) rischi di introdurre divieti e regolamentazioni che non solo non proteggono gli animali, ma rischiano di bandire specie molto comuni e presenti nel nostro paese da generazioni.

“Il parere delle due commissioni recepisce anche le questioni sollevate dall’avvocato D’Alba, legale di FOI e membro del nostro comitato legislativo, relative rispettivamente al rischio per l’Italia di incorrere in infrazioni a livello europeo, se dovesse introdurre una lista più restrittiva a livello nazionale rispetto a quella prevista dall’allegato 1 del regolamento 429/2016, per le limitazioni alla positività di movimento degli animali all’interno della Comunità europea e per la drastica penalizzazione per le imprese italiane ed europee di operare nel nostro settore” sottolinea poi EmaF nel suo ultimo comunicato.

È stato inserito nel parere anche il tema segnalato dalla Dott.ssa Antonella Baggini nella sua audizione e relativo agli aspetti economici e, in particolare ha sottolineato come l’introduzione di ulteriori liste restrittive (e non in linea con quelle europee) provocherebbe un “danno che patirebbero le aziende, i professionisti e gli allevatori amatoriali in termini economici ed occupazionali a causa di eventuali divieti ed il conseguente danno per lo Stato”.

Le osservazioni avanzate dall’avvocato D’alba e dalla Dottoressa Baggini sono state presentate ufficialmente dal Senatore Luca Briziarelli alla Commisione Politiche Europee e alla Commisione Bilancio che le hanno accolte all’unanimità.

“Continueremo a vigilare per portare avanti le nostre ragioni e proteggere i nostri amici animali, i tanti appassionati e imprenditori, allevatori e aziende che lavorano con passione in questo comparto” afferma EmaF.

Un importante passo che conferma l’efficacia del lavoro svolto su più fronti da associazioni, esperti ed addetti del settore: IGA ringrazia nuovamente il Senatore Briziarelli per l’attenzione che continua a rivolgere alla causa degli animali esotici e ci tiene a sottolineare come ancora sia necessario vigilare e lavorare per assicurare il benessere dei nostri animali senza che vengano penalizzati da misure o liste eccessivamente stringenti e, nel peggiore dei casi, redatte frettolosamente e senza solidi criteri scientifici a guidarle.

È inoltre possibile leggere qui il resoconto (senato.it).

ANIMALI ESOTICI esotici ma familiari Italian Gekko Association iga


Letto 147 volte Ultima modifica il Giovedì, 07 Luglio 2022 13:12