Grande traguardo, ma non basta: al lavoro per le liste positive

Bloccato il divieto, raggiungendo un buon punto di equilibrio durante il Consiglio dei ministri. Adesso bisogna però lavorare a liste positive che non siano, per dimenticanze o mancanza di fondamenti scientifici, troppo stringenti.

 

I lavori per proteggere gli animali esotici legalmente detenuti da migliaia di appassionati ed allevatori continuano: adesso dovrà essere stilata una lista positiva, ovvero un elenco di tutti quegli animali e quelle specie esotiche la cui detenzione sarà permessa.

Avere una lista positiva significa dovere indicare, singolarmente ed esaustivamente, tutte le specie che saranno permesse: ciò ci pone davanti una incredibile mole di lavoro ed informazioni da dover gestire.

A livello italiano, ed europeo, sono già presenti direttive che regolano la detenzione di fauna autoctona e ne vietano la cattura, regolano le specie invasive, gestiscono il commercio di specie minacciate in natura. Esiste poi una lista di specie pericolose, tra cui spiccano i grandi felini, scimmie, varani, serpenti velenosi, ecc...

La forza e l’efficacia di queste liste sta nel fatto che sono liste negative, ovvero che indicano soltanto le specie vietate. Adottare anche in questa nuova fase una lista di questo tipo permetterebbe non solo di snellire e semplificare i lavori, ma anche di rendere più chiare ed accessibili le regolamentazioni del settore.

La presenza di una lista positiva necessita di una serie di attenzioni ed accorgimenti che ne garantiscano l’efficacia: si potrebbe tramutare in un pericolo per alcuni animali nel caso vengano escluse alcune specie comuni per possibili dimenticanze o posizioni ideologiche che non hanno a loro supporto dati scientifici.

La Italian Gekko Association (IGA) in coordinazione con le altre realtà del settore, si sta impegnando per garantire la completezza di queste liste, in modo che chi ha fino ad adesso accudito legalmente i propri animali non si ritrovi a dovere affrontare la realtà di nuovi elenchi troppo stringenti.

L’Associazione si impegna da lungo tempo non solo nella promozione dell’informazione su una corretta gestione, ed ha anche a cuore il benessere e la sicurezza di questi meravigliosi animali. La volontà di aderire e partecipare ai lavori per le nuove regolamentazioni del settore segue sempre questo principio, ed ha come propria guida dati e studi scientifici autorevoli.

È necessario inoltre ricordare che divieti ed esclusioni immotivate potrebbero portare ad abbandoni di massa da parte di persone poco informate ed irresponsabili. Chi invece si prende meticolosamente cura dei propri animali dovrebbe rinunciare a specie presenti in Italia da generazioni.

IGA segue attentamente l’avanzamento dei lavori da parte del Governo, che coinvolgeranno le associazioni nei mesi a venire.

ANIMALI ESOTICI rettili lista positiva divieto Italian Gekko Association


Letto 375 volte Ultima modifica il Domenica, 15 Maggio 2022 09:34